Archivi categoria: Pubblicazioni

Dove trovare i nostri libri, gli articoli che scriviamo, i DVD che produciamo ed i cataloghi della mostre.

Luigi Bavagnoli su La Sesia: “La rischiosa esplorazione del Molinasso” 06-04-2018

Sul numero di venerdì 6 aprile 2018 torna la penna di Luigi Bavagnoli a riassumere com’è andata la complessa esplorazione del Molinasso, avventura compiuta grazie alla collaborazione con la ditta Dräger, partner tecnologico.

 

 

Annunci

I giganti prediluviani di Saletta, descritti da Giovanni Battista Modena

La tradizione racconta che nella chiesa vercellese di San Cristoforo, sia stato custodito un dente appartenente ad un vero gigante.

Ne era convinto lo storico e canonico Giovan Battista Modena, che sosteneva di averne rinvenuto uno durante lo scavo di un fosso nei pressi di Saletta di Costanzana.

Alcune sue reliquie sarebbero state conservate in alcune chiese di Vercelli, San Cristoforo, appunto e la cattedrale di Sant’Eusebio.

Ne ho parlato in un capitolo del libro Vercelli Misteriosa, di Gian Luca Marino e qui, per la prima volta, mostro i risultati completi della ricerca che ho condotto per anni.

E’ qui disponibile il documento completo di foto, in formato PDF che racconta la mia indagine su questa leggenda che, almeno in parte, abbiamo svelato.

PDF – Luigi Bavagnoli – I giganti prediluviani

La Sesia – Il castello dei Malamorte e i Templari – 28-10-2016

Per lo speciale Halloween del giornale La Sesia, Luigi Bavagnoli ci propone due articoli, usciti in edicola venerdì 28 ottobre 2016.
Dopo averci parlato delle grotte alchemiche di Torino e della Pietra filosofale nel primo articolo, Bavagnoli prosegue con la storia del castello dei Malamorte, il castello di Belveglio studiato dal ricercatore Francesco Léon Lorusso.
Pericolosissime gallerie potrebbero condurre ad una camera segreta dove pare possa essere stata occultata una parte del tesoro dei Templari.

La Sesia – La pietra filosofale nascosta a Torino – 28-10-2016

Per lo speciale Halloween del giornale La Sesia, Luigi Bavagnoli ci propone due articoli, usciti in edicola venerdì 28 ottobre 2016.
Nel primo ci parla delle misteriose Grotte Alchemiche, i leggendari scantinati in cui avrebbero operato nomi illustri nella Torino esoterica.
La tradizione vuole che uno degli accessi sia nascosto nella cripta della chiesa dell’Annunziata e che, percorrendo via Po, raggiungerebbe le segrete di Palazzo Madama, epicentro di questo mistero.

Nel secondo articolo, Bavagnoli parla del tesoro nascosto nel castello dei Malamorte.

DVD Tracce di Guerra, obiettivo Vercelli

Nasce dalla collaborazione con il ricercatore Maurizio Roccato e per conto de “La Rete“, il video documentario “Tracce di Guerra, obiettivo Vercelli“, realizzato da Alessandro Fulci, con la partecipazione di Luigi Bavagnoli.

Un’occasione per ricordare la Vercelli ai tempi dei bombardamenti della seconda guerra mondiale, i luoghi ed i protagonisti delle vicende degli ultimi anni del secondo conflitto mondiale.

In questo video, arricchito da incredibili ricostruzioni tridimensionali dei velivoli aerei e dei ricoveri anti bombardamento, sono raccolte le interviste di diversi testimoni dell’epoca.

Amanda Pitto – Il testimone del Diavolo

E’ del 2015 il nuovo libro di Amanda Pitto, dal titolo Il Testimone del Diavolo, pubblicato da Anguana Edizioni.

Una storia avvincente, ambientata nella misteriose terre del Principato di Lucedio, dove, anni fa, Luigi Bavagnoli ed il Teses hanno mosso i primi passi.

Infatti, una delle prime scoperte del gruppo di studio vercellese è stato proprio “Lo spartito del Diavolo“, ritenuto fino al 1999 una delle tante leggende della zona. Questa importante scoperta ha catalizzato l’attenzione sull’abbazia cistercense, portando televisioni americane, tedesche ed italiane ad approfondire ed a divulgare la storia di questo luogo.

Anche la scrittrice Amanda Pitto è rimasta affascinata all’aspetto storico e folkloristico di Lucedio, al punto da scegliere questa nebbiosa località vercellese come teatro per le vicende che narra nel suo ultimo romanzo: “Il testimone del diavolo”.

Queste sono le motivazioni, unitamente all’amicizia con l’autrice, che hanno portato Luigi Bavagnoli a scrivere l’introduzione di questo libro. Consigliato!