Indagini presso l’eremo rupestre di Santu Lemu di Cagliari – (Sardegna, CA)

Per realizzare un servizio per Italia 1 abbiamo avuto l’occasione di visitare un’interessante cavità sotterranea, ubicata sotto alla clinica San Giorgio, a Cagliari.

Ad accompagnarci è Marcello Polastri, presidente del Gruppo Cavità Cagliartiane, amico di lunga data in ambito speleologico.  Il nostro compito è quello di verificare la sicurezza del conduttore Daniele Bossari e del regista Arcadio Cavalli, trattandosi di un luogo fatiscente e capace di nascondere qualche insidia.

Il luogo è stato considerato un eremo rupestre, una cisterna cartaginese, addirittura la tomba dei vescovi africani fuggiti (o deportati) dai Vandali di Trasamondo.

Accedendo dai resti della clinica abbandonata, è stato possibile scendere sotto al bastione di Santa Croce nell’area denominata Castello. Qui abbiamo potuto ammirare una vasta cavità, in parte allagata, disseminata da migliaia di ossa umane.

Alcune mescolate nel terreno fangoso, altre deposte sotto al lago sotterraneo che si apre sul fondo della cavità stessa.

L’ambiente, noto come Santu Lemu, è stato studiato a lungo e presenta ancora oggi pareri discordanti. Si ipotizza che quei resti appartengono appunto ai primi vescovi cristiani in Africa, altri ritengono che risalgano agli appestati del 1656, ammassati in quel luogo in seguito all’editto napoleonico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...