Esplorare e documentare, l’archeologia sotterranea

Esplorare e documentare. Sono due attività ben differenti. Eppure oggi si fa molta confusione e si legge di mirabolanti esplorazioni di novelli Indiana Jones in ambienti noti e stranoti, oppure di un paio di foto e quattro misure, vendute come documentazione.

Esplorare è conoscere qualche cosa di ignoto, per esperienza diretta.
Penetrare in un ambiente sotterraneo dimenticato o riscoperto, fare incetta di sensazioni, vivere gli attimi di questo momento con ogni cellula del proprio corpo, librarsi al confine con la realtà, isolato dal mondo quotidiano.
Incedere, senza timore ma con prudenza, attraverso insidie nascoste e pericoli prevedibili. Spingersi sempre oltre, per arrivare oltre, dove altri non sono mai arrivati.

Documentare è la fase successiva. E’ possibile documentare un luogo già esplorato, raccogliendo dati oggettivi e fruibili per degli studi approfonditi.
Documentare è un’arte che non va improvvisata e richiede specifiche competenze, altrimenti si riconduce ad un set di fotografie di utilità inferiore a quelle scattate da turista accanto ad una fontana. Non sono solamente le fotografie e le misure prese in situ a descrivere l’ambiente. Esiste una serie di rilevazioni da completare per descrivere in modo più completo possibile un ambiente che la maggior parte dei moderni esploratori addirittura ignora.

Oggi vi è molta confusione in merito. Occorre sempre più passione, impegno e umiltà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...